Ferruccio Lamborghini – Imprenditore

Ferruccio Lamborghini

Ferruccio Lamborghini

L’INFANZIA: Ferruccio Lamborghini nasce a Renazzo, frazione di Cento, nel ferrarese, il 28 aprile 1916, sotto la costellazione del Toro, segno zodiacale di terra che rappresenta talento e ricchezza. Non sappiamo quanto egli creda nell’oroscopo, ma sceglierà il Toro come simbolo della sua operosità che, da piccolo artigiano, lo trasformerà in imprenditore facoltoso ed apprezzato in tutto il mondo. Figlio primogenito di Antonio ed Evelina Govoni, piccoli agricoltori, sin da bambino si appassiona alla meccanica. Frequenta un istituto professionale dove studia Tecnologie Industriali e, nel tempo libero, comincia a fare pratica nella bottega di un fabbro. Nel 1934 Lamborghini trova lavoro presso lo stabilimento del Cavalier Righi di Bologna e, poco dopo, tenta l’avventura avviando, con un amico, una propria officina meccanica. Ma in Italia ed in Europa spirano venti di guerra, e Ferruccio viene chiamato al dovere verso la patria. E’ il 1939 e, date le sue competenze, viene destinato al parco automezzi. Per il giovane è un invito a nozze: si tuffa con entusiasmo fra i motori diesel dei mezzi militari smontandoli, studiandoli, sperimentando modifiche per prolungarne la vita e, quando nel 1946 fa ritorno a Cento, è ormai un meccanico espertissimo e con molte idee.

L’INIZIO DELLA SUA CARRIERA: L’anno successivo, dopo la morte per parto di sua moglie Clelia Monti, che aveva sposato il 26 aprile del 1945, rompe gli indugi decidendo di dare attuazione ad un progetto che ormai da tempo gli frulla per la mente: trasformare parti meccaniche ormai inservibili di camion e di carri armati in motori nuovi e perfettamente funzionanti per produrre i primi trattori a gasolio. Insieme ad altri tre soci, dunque, Ferruccio Lamborghini dà vita ad una piccola fabbrica di trattori per l’agricoltura. Siamo alla vigilia del “miracolo economico”, e il buon esito iniziale dell’iniziativa imprenditoriale fa intuire all’ormai trentenne Ferruccio di aver imbroccato la via del successo. Nel 1948 convola nuovamente a nozze con Annita Fontana. Nello stesso anno lascia la società per fondarne una propria: nasce così la “Lamborghini Trattori” che, partita con 4 operai, soltanto sei anni dopo ne conta circa 50 con una produzione di alcune centinaia di veicoli all’anno (alla fine degli anni ’60 raggiungerà i mille dipendenti per una produzione annua di 8000 trattori).

IL SUCCESSO: Ferruccio Lamborghini è ormai un uomo ricco, e può dare libero sfogo alla sua passione permettendosi il meglio che il mercato possa offrire in materia di motori ma, ovviamente, nel campo delle automobili. Passa dalla Mercedes all’Alfa Romeo, dalla Jaguar alla Maserati, fino a quando scopre – rimanendone folgorato – le Ferrari. E si tratta davvero di una folgorazione perché, oltre ad abbandonare tutte le altre, la sua Ferrari lo porterà – dopo un pungente scambio di opinioni con Enzo Ferrari – alla decisione che segnerà la sua vita conducendolo alla fama mondiale. Secondo quanto narrato da Lamborghini stesso, ad una sua osservazione su alcuni difetti da correggere sulle auto del Cavallino Rampante, l’ingegnere di Maranello lo invita ad occuparsi di trattori piuttosto che di auto di lusso. La battutaccia suona alle orecchie di Ferruccio come una sfida che prontamente raccoglie e, soltanto un anno dopo, nel novembre 1963, grazie anche a personale altamente specializzato nel settore, lancia la “Lamborghini 350 GTV”, un bolide che, però, non riscuote alcun successo, come pure il successivo modello, la “350 GT”. Due anni dopo mette a punto un terzo modello, molto diverso dai precedenti tanto nello stile quanto nelle tecnologie. Disegnata dal duo Gandini – Bertone, con dodici cilindri per un volume di 3,9 litri, nasce la Lamborghini “Miura”. Presentata al salone di Ginevra nel 1966, la fuoriserie riscuote un immediato successo divenendo il sogno di tutti i giovani (ma non solo) fino a segnare un’epoca. La stessa Ferrari, in questa fase, è messa in ombra. La Miura diventa l’auto del jet set internazionale, dal mondo del cinema a quello dei ricchi petrolieri arabi e persino di Capi di Stato. Ed il Toro, emblema di tutte le iniziative imprenditoriali di Lamborghini, diviene una bandiera. La stessa Miura, con gli sportelli aperti, assume le sembianze delle corna del bovino e la rivista specializzata americana “Sport Cars International” la inserisce fra le “Top Sport Cars” di tutti i tempi.

IL CROLLO: Negli anni che seguono il successo della Miura vengono prodotti altri modelli di successo, ma la incombente crisi economica degli anni ’70 pone fine alle iniziative industriali di Ferruccio. L’imprenditore si vede costretto a cedere tanto la fabbrica di auto quanto quella di trattori, tenendo per sé la sola industria di impianti di riscaldamento che aveva avviato anni prima e che destinerà a suo figlio Tonino.

LA FINE DELLA SUA VITA: Si ritira a vita privata, dedicandosi all’azienda vitivinicola che possiede in Umbria, ed è a Perugia che Ferruccio Lamborghini spira, il 20 febbraio 1993, all’età di 77 anni. Ma la leggenda Lamborghini continua; passata di mano la proprietà, l’indomito Toro continua a scalpitare e le sue auto fuoriserie rimangono un oggetto del desiderio, uno status symbol, un emblema di potenza, lusso ed eleganza che perpetua nel mondo l’affermazione dello stile e della creatività italiane.

CURIOSITA’: Nel 1968 l’Università di Padova conferisce a Ferruccio Lamborghini la laurea honoris causa in Ingegneria e, l’anno successivo, il Presidente della Repubblica lo nomina Cavaliere del Lavoro. La sua vita ha ispirato scrittori e registi.
Nel suo museo conservava la macchinina che aveva costruito per il figlio Tonino (che ebbe nel ’47 dalla prima moglie, ndr); la stessa macchina, dotata di motore e retro marcia, fu poi utilizzata anche dalla figlia Patrizia (nata nel ’75 dalla compagna Maria Teresa Cane, ndr).
Anche il suo funerale fu una dimostrazione della sua passione per i motori: venne portato a Renazzo e trasportato al cimitero su un antico carro agricolo trainato da uno dei suoi trattori e alcune sue potenti automobili erano parcheggiate all’ingresso. Sulla lapide della sua tomba c’è scritto: Buon lavoro nella nuova Casa di Dio.

CONTACT US

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Sending

©2020 ALL RIGHTS RESERVED - TOP100 PEOPLE Srl P.IVA 07643130722

ADV StudioARTESIA.it

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account

Skip to toolbar

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close